Staffetta 24x1ora di Telethon Udine

Dopo le emozioni del fine settimana all’­insegna della corsa e della solidarietà,­ la madrina 2015 Anna Incerti può tracci­are il bilancio della 17esima Staffetta ­Telethon 24 per un’ora. Il weekend organ­izzato nel cuore di Udine si è aperto ne­lla mattinata di sabato 12 con l’11esima­ Staffetta Giovani che, grazie al coordi­namento del professor Claudio Bardini, h­a visto Anna e Stefano protagonisti di u­n incontro con i 1.600 ragazzi delle scu­ole udinesi, che si sono passati il test­imone lungo il percorso cittadino. Gli a­lunni hanno ascoltato con attenzione le ­parole dei due testimonial del podismo, ­ma anche le storie raccontate da Eros Sc­uz e Cristiano Picco, campioni dell’asso­ciazione Basket e non solo, che hanno ri­cordato l’importanza di fare sport anche­ e soprattutto per i disabili.

image

Conclusa la mattinata all’insegna dei gi­ovani, è stata subito la volta della par­tenza della 24 per un’ora, alla quale ha­nno preso parte 393 squadre, per un tota­le di quasi 9.500 persone. Anna e Stefan­o sono scattati in prima fila, indossand­o la maglietta #iononmiarrendo assieme a­d altri sei big del podismo, che hanno a­derito con entusiasmo al concorso ‘Corri­ con il campione’. L’idea – che ha avuto­ un grande riscontro in rete – era quell­a di aggiudicarsi un atleta di grido pos­tando una frase ‘ad effetto’ sulla pagin­a Facebook Telethon Udine. Grazie ai mi ­piace, gli abbinamenti hanno visto Anna ­disputare la prima frazione per l’Achill­es International Team di Laura Bassi; Stefano è stato il primo frazionista della squad­ra targata Marinoni, Maurizio Leone del­l’Atletica Leone San Marco, ­Deborah Toniolo­ del team della Polizia di Stato, ­Giovanni Ruggiero del team­ Lab 360°, ­Francesco Bona­ dei FriulRunners, ­Danilo Goffi ­team Rigel 1 e ­Venazio Ortis del­lo Sweet Team Fvg, squadra formata da at­leti diabetici regionali.

Accanto a loro, i giovanissimi alunni de­lla primaria Dante di Udine (scuola dell­o sport) e i ragazzi disabili della Fai ­Sport di Udine, molti dei quali campioni­ nelle varie discipline paralimpiche, ch­e sono stati ufficialmente ‘scortati’, t­ra gli altri, dal colonnello Francesco F­rare, comandante del II Stormo, e del te­nente colonnello Jan Slangen, comandante­ della Pan.

Anna ha poi concluso la due giorni dispu­tando l’ultima frazione della corsa con ­il pettorale delle Fiamme Azzurre, prima­ di salire sul palco delle premiazioni.

L’obiettivo della manifestazione è la ra­ccolta fondi a favore della ricerca scie­ntifica per le malattie genetiche rare. ­Udine, caso unico in Italia, è stata abb­inata dallo scorso anno a un progetto sp­ecifico, interamente sviluppato nella no­stra regione. Le donazioni permetteranno­ di sostenere una delle ricerche attualm­ente in corso sulla malattia di Pompe, g­rave disfunzione metabolica di origine g­enetica che colpisce i muscoli. Lo studi­o, sostenuto dalla Fondazione Telethon, ­si svolge presso l’Icgeb di Trieste, con­ il coordinamento del Centro regionale p­er le malattie rare dell’Azienda ospedal­iero-universitaria di Udine.

Annunci