CAMPIONATI ITALIANI DI MEZZA

 

di Maurizio Leone

Ad Atripalda in provincia di Avellino, si sono svolti questa mattina i campionati italiani di mezza maratona, validi per l’assegnazione del titolo assoluto e di quello di società di corsa su strada. La kermesse irpina caratterizzata dal caldo intenso e da un percorso estremamente impegnativo, ricco di saliscendi, che ha messo a dura prova i numerosi partecipanti, ha visto il trionfo del keniano Salomon Rotich tesserato per la Violetta Club Lamezia, sodalizio calabrese, che ha concluso la prova in 1h 05″ 10; e tra gli italiani quello di Federico Simionato (Aeronautica), e di Anna Incerti (FFAA).

L’aviere piemontese, 2h15’58” di personale in maratona, al suo primo titolo italiano con il tempo di 1h 05’35”, ha corso una gara giudiziosa, gestendo al meglio le difficoltà del percorso, del caldo e degli avversari, tra i più attivi: il bergamasco Bourifa (Val Brembana), l’altro aviere Bona, l’esperto carabiniere Bennici, e Fabio Mascheroni (Corradini Rubiera), insieme ad un nutrito gruppo di keniani tesserati per team italiani, con il solito Philimon Kipkering (Atletica Gonnesa), Rugut, ed Henry Rutto Kiplagat. Il momento decisivo intorno al dodicesimo chilometro, quando Simionato resistendo ad una serie di strappi degli avversari, ha rotto gli indugi scremando il gruppo per involarsi verso la vittoria: “Sapevo di stare bene, dopo un inverno difficile – dice Simionato-  oggi è stata dura, ma alla fine gli sforzi sono stati premiati. Le sensazioni erano buone, e questo titolo mi ripaga dei tanti momenti difficili attraversati in passato, e mi da fiducia verso la prossima maratona autunnale, che dovrebbe essere quella di Carpi, valida come campionato mondiale militare”.
Il bergamasco Migidio Bourifa, miglior maratoneta italiano del momento, giungeva secondo degli italiani con 65’55”, e terzo nella classifica generale, davanti a al Keniano Rugut, ad Henry Rutto Kiplagat, a Francesco Bona, Philimon Kipkering, Francesco Bennici e Fabio Mascheroni.
Nelle donne Anna Incerti ha dimostrato di meritare pienamente la convocazione olimpica: la siciliana si è aggiudicata il titolo tricolore, correndo con grande autorità, e duellando con avversarie come le marocchine Ejaffini e Ghizslane, e contro la sempreverde Gloria Marconi (Corradini Rubiera), e Renate Rungger (Forestale). Il tempo finale di 1’13’57”, ottenuto con un ottima progressione negli ultimi chilometri, dimostra che gli infortuni che hanno minato fino ad oggi la stagione della Incerti, sono alle spalle, e che l’atleta tesserata per le Fiamme Azzurre è pronta finalmente ad affrontare al meglio la preparazione verso la maratona olimpica di Pechino, che potrebbe vederla protagonista.
Per concludere, ricordo che al momento non sono state rese note le classifiche ufficiali, più avanti in presenza di queste, saremo in grado di aggiornare l’articolo, per offrire agli utenti un servizio ancora migliore.

Campionessa Italiana

Simionato e Incerti tricolore di maratonina

Comunicato stampa da comitato organizzatore.-

 

Una folla entusiasta ha accolto i concorrenti provenienti da ogni parte d’Italia per il Campionato di mezza maratona (km 21,097), assegnato all’Half Marathon “L’Irpinia corre”, e disputato ad Atripalda (AV) domenica 1 giugno. Su un percorso impegnativo, reso durissimo dal gran caldo, con inevitabili conseguenze sulle prestazioni cronometriche, i top runners si sono dati battaglia per le maglie tricolori e per i punti della classifica del Campionato italiano a squadre. Dopo 1h05′ si è presentato sul traguardo solitario l’atleta keniano in forza al Violetta Club di Catanzaro Salomon Rotich, che ha preceduto di 15 secondi il giovane Federico Simionato del G.S. Aeronautica Militare, che si è così laureato nuovo Campione Italiano di Mezza Maratona. Sul terzo gradino del podio è salito uno dei favoriti della vigilia, il bergamasco Migidio Bourifa dell’Atletica Valbrembana. A seguire altri grandi protagonisti del podismo non solo italiano, quali Rugut, vincitore della gara nel 2007, Henry Rutto Kiplagat, Francesco Bona, Philemon Kipkering, Francesco Bennici, Fabio Mascheroni e Lalaami Cherkaoui. Il clima ha fortemente penalizzato gli atleti, limitando le prestazioni di alcuni atleti giunti in Irpinia con grandi aspettative e addirittura costringendo al ritiro Giacomo Leone, vincitore della New York Marathon del 1999, e l’ex Vice Campione europeo Danilo Goffi.

In campo femminile, pronostico rispettato, con Anna Incerti, già selezionata per la Maratona olimpica di Pechino, prima al traguardo i 1h 13′ 57″; alle spalle della portacolori delle Fiamme Azzurre, la promessa Asmae Ghizslane e una positiva Gloria Marconi. A conferma del valore assoluto della gara sono i nomi delle atlete giunte ai piedi del podio e nelle prime dieci posizioni: Nadia Eyafin, Renate Rungger, Giustina Menna, Marcella Mancini, Lucilla Andreucci, Denise Cavallini e Sara Orsi. La gara assegnava anche i titoli nazionali della Categoria Promesse, andati a Nicola Venturoli e Martina Rocco, ma vincitori sono stati tutti gli atleti giunti al termine della fatica, dagli atleti evoluti fino all’ultimo degli amatori, i quali hanno festeggiato nel migliore dei modi la Giornata Nazionale dello Sport. A premiare gli atleti, oltre le autorità civili e militari, i consiglieri FIDAL Alberto Cova e Laurent Ottoz, il presidente
dell’U.S. Acli Alfredo Cucciniello ed il Presidente del Comitato Organizzatore di Irpinia Corre Gianni Solimene.